3YØI Posticipata

0
660

3YØI Comunicato stampa n. 4 
27 marzo 2019

3YØI POSTPONED

E ancora! Il capitano del MV Atlantic Tuna ha dovuto prendere una decisione difficile ma responsabile per tornare a Cape Town, in Sud Africa. Ma la spedizione 3YØI NON è cancellata – non ci arrendiamo facilmente

Ho appena avuto una lunga conversazione con Dom 3Z9DX a bordo del MV Atlantic Tuna. I mari si sono calmati abbastanza da permettere loro di fare un’adeguata ispezione tecnica dei danni causati dalla grave tempesta ciclonica della notte scorsa. Qui ci sono maggiori dettagli sugli ultimi eventi drammatici.

Il 26 marzo 2019, la nave si stava avvicinando a una tempesta ciclonale che vagava vicino all’isola di Bouvet. Il capitano analizzò gli ultimi bollettini meteorologici che indicavano la possibilità di sfondare la tempesta – non era stato così forte in quel momento. Sfortunatamente, la tempesta si è sviluppata e intensificata nel giro di un’ora. Intorno al 5-6 in punto GMT, a sole 70 miglia al largo dell’isola di Bouvet, la nave è stata colpita da una serie di onde alte 11+ metri (36+ ft) + vento superiore a 83 nodi / h (circa 160 km / h ). Le feroci forze oceaniche passarono oltre il ponte superiore, prendendo uno dei radar, incluse le antenne marine VSAT, VHF e HF, dall’albero e gettandoli tutti fuori bordo. Il colpo è stato così difficile che la nave ha inclinato fino a 45 ° (ma questo è ancora sicuro in termini di costruzione della nave).

CIASCUNO E OGNI MEMBRO DI SQUADRA / CREW È FINE, SENTIRE BENE E SICURO!

Con la mancanza dei più importanti strumenti di navigazione, il capitano ha dichiarato che non è sicuro navigare e devono tornare a Città del Capo per proteggere tutti i partecipanti sul tabellone, le loro attrezzature e l’equipaggiamento della nave. Inoltre, tutte le previsioni per le prossime ore non sono positive. Il Team si affida totalmente alle decisioni del capitano – ha più di 20 anni di esperienza velica in aree simili su entrambi gli emisferi. La squadra non ha cercato di spingere in avanti e tutti hanno seguito l’ordine del capitano e hanno convenuto che è meglio rinviare i piani per motivi di sicurezza.

La nave ora sta tornando a Città del Capo, in Sud Africa, e una volta tornata passerà attraverso un processo di tutte le riparazioni necessarie e le ispezioni tecniche. Una volta che il team ha stimato il tempo necessario per sistemare tutto sulla nave, verrà presa un’altra decisione: tornare a Bouvetøya in aprile, o rimandare la spedizione per la prossima stagione. Tuttavia…

IL DXPEDITION NON È ANNULLATO!

Indipendentemente dall’esito finale dei nostri tentativi, è chiaro che l’attivazione di Bouvet Island è una delle più difficili e più pericolose intraprese della radioamatazione – e non solo – della storia. Tuttavia, gli eventi del 3YØI saranno discussi a lungo e analizzati dal Team per “attaccare” l’isola ancora una volta – il prima possibile – ancora una volta tutti contrassegnati con principi “safety-first”.

Il team ha dedicato più di 4 mesi a vivere a Città del Capo, proprio accanto alla nave, per preparare le cose di persona. Abbiamo sacrificato il tempo di Natale e trascorso quel tempo speciale senza le nostre famiglie. Eppure, abbiamo speso una quantità enorme dei nostri fondi privati ​​per far sì che tutto ciò accada per il bene della radioamatoriale. Ma non ci arrendiamo e sappiamo tutti che abbiamo guadagnato la vostra fiducia nei nostri attuali e futuri tentativi di radioamatori. Lo apprezziamo davvero!

Fino ad ora, Bouvet Island vs. Hams 2: 0! Ma questa è solo la prima metà dello show. Lunga vita all’eredità della radioamatoriale e ai suoi sostenitori!

Stan SP8S 
L’addetto stampa 3YØI

Copyright di Stan Strzyżewski SP8S @:

© 2019

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here